martedì 21 febbraio 2017

Tiga - Eye Luv U



Una presenza fissa sul blog è Tiga, dj/produttore canadese le cui tracce sono sempre molto interessanti.
Eravamo rimasti all'album dell'anno scorso, ma Tiga non si ferma mai. Per questa prima release 2017 firmata Turbo Recordings ha collaborato con i Paranoid Android.

Così parla Tiga di 'Eye Luv U':
"The title came to me while I was playing a pyramid that had been converted into a multi-purpose event space. The hieroglyphics over what is now the coat check made me imagine a world in which pictures could mean words and words could mean anything. The thing about wordplay is that it’s fascinating to conceive of different realities informed by different systems of meaning, and how each reality would invariably bend to vault me to the pinnacle of all possible worlds. It’s humbling, really."

A completare il pacchetto abbiamo la 80's Wharehouse Acid Remix ad opera di Butch più un remix di Jasper James.

lunedì 20 febbraio 2017

Febbre a 90 @ Fabrique Milano


Prima o poi questa serata avrebbe avuto una recensione sul blog, rappresentando gli anni 90 il periodo formativo del titolare del blog ;)
Non c'è dubbio che sia una serata molto divertente che conquista facilmente tutti, le facce sorridenti ne sono testimonianza!
Il pubblico è molto eterogeneo e molti sono i giovani che probabilmente non erano ancora nati quando già noi ballavamo questi fantastici pezzi.
Anche per quanto riguarda la selezione musicale si spazia molto fra i generi che hanno caratterizzato quel decennio.
Unica richiesta, passate più pezzi commerciali/house del primi 90 :)



Soulwax are back with a new album!


Manca praticamente un mese all'uscita del nuovo album dei Soulwax 'From DEEWEE' la cui data di uscita ufficiale è il 24 marzo.
Per chi si ricorda dal 2005 non è più stato pubblicato un album a loro nome (si trattava di 'Nite Versions' una estensione del precedente 'Any Minute Now'), perciò questa novità è ancora più attesa.

Il lavoro è basato sull'esperienza del tour 2016 'Transient Program For Drums and Machinery' ed è stato registrato live con lo stesso set up del tour, quindi stessi musicisti, stessi strumenti, stessa apparechiatura elettronica.


Tracklist:
Preset Tense
Masterplanned
Missing Wires
Conditions Of A Shared Belief
Is It Always Binary
Do You Want To Get Into Trouble?
My Tired Eyes
Transient Program For Drums And Machinery
Trespassers
The Singer Has Become A Deejay
Here Come The Men In Suits
Goodnight Transmission

Ricordo inoltre la loro data a Milano del 29 marzo ai Magazzini Generali. Io non mancherò ;)


Pre-order the new album on amazon

domenica 29 gennaio 2017

Who Killed the Night?

In UK negli ultimi anni la nightlife sta cambiando e in peggio secondo gli addetti ai lavori.
Sono lontani i fasti degli anni 90 e primi 2000, nonostante la club culture abbia guadagnato il rispetto che si merita (pensiamo al sindaco di Londra Khan che ha parlato in favore del Fabric).
BBC3 con la competenza di Annie Mac ha affrontato il tema in un breve documentario andato in onda di recente, che vi ripropongo qui.

Notevole il dato secondo cui negli ultimi 10 anni hanno chiuso circa la metà dei club inglesi, riducendo dunque la scelta musicale.
Fra questi nel documentario si parla del The Cross che ha chiuso ormai alcuni anni or sono e negli anni 90 ha fatto la storia della club culture inglese.
Oltre al The Cross, mi viene in mente un altro grande club in cui ho avuto la fortuna di ballare e che ha chiuso alcuni anni fa, il The End (ricordo che alle 8 di sera c'era una coda chilometrica per entrare alla serata di chiusura).
A Londra il motivo principale della chiusura dei club è che gli spazi stanno acquistando valore e vengono convertiti in appartamenti o centri commerciali, sorte che più volte è stata ventilata anche per il Ministry Of Sound.
Senza contare che i consigli di zona, che hanno voce in capitolo, stanno rendendo più difficile la vita ai club, con regole più stringenti (vedi quello che è successo di recente al Fabric).

Altro spunto interessante il fatto che molti club di periferia si accontentano di uno stile musicale vecchiotto e facile, per cui è necessario spostarsi per trovare qualcosa di nuovo.
Ma non ci sono solo lati negativi :) La voglia di musica e divertimento rimane, il modo in cui si realizza cambia.

venerdì 13 gennaio 2017

Mixhell & Joe Goddard - Crocodile Boots (Soulwax remix)



I Soulwax sono forse gli artisti più citati sul blog e a ragion veduta.
Di nuovo al lavoro su un pezzo nato dalla collaborazione dei brasiliani Mixhell (presenti sul blog con 'Antigalactic') e l'inglese Joe Goddard (Hot Chip) intitolato 'Crocodile Boots' e cantato da Mutado Pintado.
L'originale era già un brano molto valido, il passaggio dal Belgio rende il pezzo ancora più elttrico e futuristico.

Questo è il remix dei Soulwax



Questa la versione originale




via Mixmag

mercoledì 28 dicembre 2016

Pryda - Lillo


Grande gesto di Eric Prydz che dedica a un suo fan prematuramente scomparso l'ultima sua release.
James Lillo era un ragazzo di Los Angeles che da tempo aspettava di vedere all'opera Prydz, il cui EPIC show avrebbe raggiunto la California il 1 gennaio.
Sfortunatamente James non ce l'ha fatta, ma la sua memoria rimane nei due show a lui dedicati che sono serviti a donare circa 60 mila dollari in beneficenza per la ricerca sul cancro e nella musica di Eric come titolo del suo nuovo pezzo a nome Pryda.

Così ne ha parlato Prydz nel suo ultimo radio show:
"In the days leading up to these events that we did for James, I locked myself in the studio to write a lot of new music. This track that I'm going to play to you now is a track that I've dedicated to James Lillo. It was really nice to see that so many of you guys who were there when I played this track understood what this track was."





via DJ Mag , Thump

giovedì 15 dicembre 2016

CD o vinile? Busy P li mette insieme

Pedro è sempre avanti!
Dato il momento storico, in cui il supporto fisico sta passando di moda e la musica è quasi solo liquida, perché non racchiudere in un solo disco sia il vinile che il CD, uno per lato?
Peccato che non esista ancora un lettore adeguato e non credo lo vedremo facilmente :)
Ed anche il disco è solo un prototipo, chissà se verrà mai commercializzato, anche come gadget.

Non ci possiamo più stupire di niente.

for all my VINYL / CD / USB DJs ❤️ #regram @glenjamn

Un video pubblicato da ED BANGER RECORDS / BUSY P (@edbanger) in data:

mercoledì 14 dicembre 2016

Carl Cox: Space is the place

Lo Space ha chiuso i battenti quest'anno dopo 27 anni.

Una foto pubblicata da Annie Mac (@anniemacdj) in data:


Come tutte le leggende il suo nome sarà legato a una figura particolare, il suo dj resident Carl Cox.

Resident Advisor ha realizzato un documentario incentrato su Carl e il suo rapporto con lo Space, in cui troviamo grandi contributi del fondatore Pepe Rosello, che alla fine dice una cosa stupida secondo lui:
"Quando in una discoteca la musica si ferma e la gente esce c'è qualcosa che rimane nell'aria. Un silenzio che raccoglie tutta l'energia che si è sprigionata nella notte. E la puoi ascoltare. È magico!
A qualcuno sembrerà strano, ma per me non è strano, è un momento magico!"

mercoledì 16 novembre 2016

Soulwax - Transient Program for Drums and Machinery




I Soulwax non smettono di essere produttivi e fra una cosa e l'altra hanno prodotto una nuova traccia che ribadisce il loro stile inconfondibile.
'Transient Program for Drums and Machinery' è una conferma di quali siano gli elementi che ne caratterizzano il suono e le loro esibizioni: elettronica, percussioni, voci che si mescolano e rincorrono in crescendo.
Fra l'altro questa sembra essere la loro prima produzione a nome Soulwax da una decina d'anni a questa parte, se si escludono remix e pezzo a nome 2manydjs.




Segnatevi la loro prossima data italiana, Milano 29 marzo 2017 ai Magazzini Generali.

Free download from official site


martedì 15 novembre 2016

RIP David Mancuso



Ci ha lasciato un altro dei padri della house music e del clubbing, forse quello che possiamo considerare il capostipite: Davide Mancuso.
Fu David nel 1970 a ideare quello che è riconosciuto come il primo club a cui si sono ispirate le generazioni successive, il mitico Loft di New York. In pratica David aveva aperto casa sua a tutti gli amanti della musica, proponendo un modo nuovo di goderla, prestando massima attenzione all'impianto sonoro e lasciando scorrere i dischi dal primo all'ultimo solco.
Per diversi anni è stato il fulcro della musica e del clubbing newyorkese. In questa intervista racconta di quegli anni. Di seguito un estratto del ducu-film 'Maestro'