lunedì 17 agosto 2015

Cosa succede a Soundcloud?


Conoscete tutti Soundcloud la (ormai ex) start-up tedesca che permette a migliaia di dj e produttori di condividere la propria musica e a noi di ascoltarla in streaming.

Quello che per molto tempo è stato evidenziato come principale problema della società è la sua profittabilità, cioè quanto riesce ad incassare dal suo business.
Infatti per quanto sia molto conosciuto, utilizzato ed apprezzato il servizio non genera introiti sufficienti, soprattutto a pagare i diritti alle case discografiche.
In un momento in cui i servizi di streaming sono in forte sviluppo (da Spotify ad Apple e Tidal) non si può rimanere fuori e si deve trovare un modo per guadagnare e un accordo con le major. Per questo si era parlato di abbonamenti e limitazioni d'uso.

Fatto sta che negli ultimi giorni si è avuta notizia (vedi qui e qui) di sospensioni di account, sia di magazine e blog (che fanno grande uso di Soundcloud) sia di produttori che hanno i diritti sui brani di cui fanno upload. Si vocifera che i provvedimenti siano stati caldeggiati da Sony.
La stessa Sony aveva invitato i suoi artisti ad abbandonare Soundcloud, mentre la Warner era giunta ad un accordo nei mesi scorsi, seguita da Merlin (che rappresenta i diritti di molte label indipendenti).
Di oggi la news di un accordo anche con Universal.

Speriamo che a breve Soundcloud arrivi a una stabilità economica che le permetta di continuare a fornire il suo bel servizio di cui anche il titolare di questo blog fa buon uso!
Posta un commento